PES-PAV-PEI | Lavoratori esposti a rischio elettrico - FAQ

Sei il Titolare o il dipendente di un'azienda che svolge lavori elettrici? Scopri tutto quello che c'è da sapere sul rischio elettrico e sulle figure di PES, PAV e PEI in termini di nomina, qualifica e formazione.

PES-PAV-PEI, qual è la normativa di riferimento?

La normativa di riferimento è la Norma CEI 11-27"Lavori su impianti elettrici", emanata il 1° aprile 2005, e giunta alla IV edizione nel 2014.
Si tratta del riferimento normativo principale in materia di lavori esposti a rischio elettrico e si occupa di definire modalità, criteri e requisiti minimi da rispettare per effettuare tali lavori in sicurezza.
La IV edizione va ad integrare quanto disposto nelle precedenti versioni aggiornando e introducendo per la prima volta le qualifiche di Pes, Pav e Pei da attribuire al personale addetto allo svolgimento dei lavori in prossimità o su impianti in tensione, indicando anche specifiche linee guida per le modalità di nomina, l'attribuzione delle qualifiche e i requisiti di formazione di queste figure.

Torna all'indice

Quali sono i lavori sottoposti a rischio elettrico?

Il rischio elettrico è presente o potenzialmente presente in tutti quei luoghi di lavoro in cui i dipendenti operano su impianti elettrici o in prossimità di essi.
Essi si differenziano in rischi diretti e rischi indiretti a secondo se si opera su parti attive di un impianto o nei pressi di esse, ma nello specifico si dividono in:

  • lavori sotto tensione,
    eseguiti su parti attive di impianti elettrici sotto tensione;
  • lavori in prossimità di tensione,
    eseguiti entro una certa distanza dalle parti attive di impianti elettrici in tensione;
  • lavori fuori tensione,
    eseguiti su quadri parti di impianti elettrici a cui viene tolta tensione durante lo svolgimento del lavoro;
Torna all'indice

Quali sono le tipologie di impianti su cui poter effettuare i lavori?

La legge individua 4 categorie di impianti:

  • Sistemi di Categoria 0 o a bassissima tensione,
    con tensione nominale minore o uguale a 50 V (corrente alternata) o uguale a 120 V (corrente continua);
  • Sistemi di Categoria I o a bassa tensione,
    con tensione nominale da oltre 50 fino a 1000 V (corrente alternata) o da oltre 120 V fino a 1500 V(corrente continua);
  • Sistemi di Categoria II o a media tensione,
    con tensione nominale oltre 1000 V (corrente alternata) o da oltre 1500 V a 30 000 V (corrente continua);
  • Sistemi di Categoria III o ad alta tensione
    con tensione nominale maggiore di 30 000 V;
Torna all'indice

Cosa sono PES, PAV e PEI?

Per dare una definizione degli acronimi PES, PAV e PEI occorre fare riferimento al D.Lgs. 81/08.
Il testo unico infatti stabilisce che i vari tipi di lavoro sottoposti a rischio elettrico devono essere svolto da personale qualificato in possesso dei requisiti adatti per svolgere questo tipo di mansioni rischiose.
Nascono dunque queste tre figure, queste tre qualifiche il cui significato è nell'acronimo:

  • PES sta per Persona Esperta con istruzione, conoscenza ed esperienza tali da permetterle di analizzare i rischi e di evitare i pericoli derivtati dall'elettricità;
  • PAV sta per Persona Avvertita adeguatamente da persone esperte per metterla in grado di evitare i pericoli che l'elettricità può creare;
  • PEI sta per Persona Idonea alla quale è stata riconosciuta la capacità tecnica ad eseguire lavori sotto tensione;
Torna all'indice

Quali mansioni possono svolgere PES, PAV e PEI?

Le mansioni a rischio elettrico che queste tre figure possono svolgere sono differenti:

  • PES: lavori fuori tensione e in prossimità;
  • PAV: lavori fuori tensione e in prossimità solo se assistita da una PES;
  • PEI: lavori sotto tensione su sistemi di Categoria 0 e I;

Tale divisione di compiti è proporzionale al grado di competenza e conoscenza del rischio elettrico relativo ad ogni ruolo e alle rispettive qualifiche.
I lavori sotto tensione su sistemi di Categoria II e III non possono essere effettuati da nessuna di queste tre figure, in quanto possono essere svolti soltanto da aziende autorizzate dal Ministero del Lavoro.

Torna all'indice

Come funziona l'attribuzione delle qualifiche?

Ai sensi della normativa CEI 11-27, è il datore di lavoro ad attribuire all'interno dell'azienda il ruolo di PES o PAV e PEI .

Quali sono i requisiti della Nomina a PES e PAV?

Per quanto riguarda la nomina di PES e PAV, essa avviene tramite un atto ufficiale firmato per accettazione dal lavoratore che il datore di lavoro ha designato per lo svolgimento di un determinato ruolo in base a:

  • il Tipo di diploma;
  • un Corso di formazione apposito;
  • l'Esperienza diretta in materia;

Quali sono i requisiti della Nomina PEI?

Per essere nominato PEI, invece, il lavoratore deve ricevere una formazione specifica attraverso:

  • un Corso di Formazione apposito;
  • la "Formazione per affiancamento", in cui il lavoratore riceve un addestramento sul campo da una PEI già in essere o dal datore di lavoro stesso, qualora sia competente.

Scarica e compila il Modulo di nomina

Corsisicurezza.it ha realizzato dei moduli di nomina per l'assegnazione delle qualifiche di pes, pav, pei, in formato pdf interattivo per poter essere compilati, scaricati e stampati.
Clicca sul modulo che ti serve.

Modulo nomina PAV Modulo nomina PES Modulo nomina PEI

Torna all'indice

Cos'è l'autocertificazione per PES, PAV e PEI?

I profili di PES, PAV e PEI possono essere ricoperti anche dal Datore di Lavoro in prima persona o da un Lavoratore Autonomo, in questo caso è ancora giusto parlare di attribuzione della nomina?
é più corretto parlare di autocertificazione PES, PAV, PEI, ovvero un documento all'interno del quale il soggetto dichiara di essere in possesso dei requisiti professionali e delle caratteristiche adatte per svolgere dei lavori elettrici.
nello specifico dovranno essere indicati:

  • conoscenze teoriche e pratiche sulla sicurezza e sul rischio elettrico;
  • percorsi/corsi di formazione e attestati;
  • titoli di studio;
  • esperienza lavorativa;
  • tipi di lavori e di impianti in cui si è esperti;
Torna all'indice

Quali sono i corsi di formazione adatti al rischio elettrico?

Sono dei percorsi formativi divisi in moduli finalizzati all'acquisizione di conoscenze e competenze sui lavori in prossimità o sotto tensione e sul rischio elettrico.
La loro erogazione è prevista e disciplinata dal D.Lgs. 81/08, che stabilisce che abbiano una durata minima di 14 ore, durante le quali vengono affrontate tutte le tematiche come:

  • rischio elettrico;
  • come svolgere lavori a rischio elettrico;
  • quali sono le misure di sicurezza da mettere in atto;
  • quali sono i dispositivi di sicurezza individuale adatti.
Torna all'indice

Fare i corsi di aggiornamento è obbligatorio?

La legge stabilisce che l'attestato ricevuto una volta superato l'esame andrà rinnovato con scadenza quinquennale, frequentando appositi corsi di aggiornamento della durata di 4 ore ogni 5 anni.

Torna all'indice

Qual è il programma dei corsi di formazione per PES, PAV e PEI?

Secondo la norma CEI 11-27 il programma dei corsi di formazioni per queste "persone" è suddiviso in livelli in base al tipo di conoscenze e competenze che richiede la qualifica:

  • Livello 1A - conoscenze teoriche per i lavori elettrici
  • Livello 1B - conoscenze pratiche;
  • Livello 2A - conoscenze teoriche;
  • Livello 2B - conoscenze pratiche
Torna all'indice

Cos'è il Livello 1A?

Si tratta del primo livello relativo alle principali disposizioni legislative in materia di sicurezza elettrica ai sensi di

  • D.Lgs. 81/08;
  • Legge 106/2009;
  • Norma CEI EN 50110-1;
  • Norma CEI 11-27;
  • Norma CEI 11-1;
  • Norma CEI 64-8.

Questa parte affronta gli effetti dell'elettricità sul corpo umano e cenni di primo intervento di soccorso, descrive le attrezzature e i dispositivi di protezione individuale che vanno impiegati nello svolgimento di tali lavori.
In questo livello il discente apprenderà pure quali sono le responsabilità e i compiti del responsabile dell'impianto e del preposto ai lavori e tutte le altre conoscenze teoriche necessarie per approcciarsi ai lavori fuori tensione e in prossimità di tensione.

Torna all'indice

Cos'è il Livello 1B?

In questo livello di formazione è volto all'acquisizione delle conoscenze pratiche per lo svolgimento dei lavori elettrici di base identificabili ad esempio con la predisposizione e comprensione di un piano di lavoro e di un piano di intervento o la delimitazione della zona di lavoro.
Il professionista imparerà come apporre barriere, protezioni e blocchi ad apparecchiature o macchinari, verificandone l'assenza di tensione e lo stato di sicurezza.
In questo "capitolo" si imparerà a mettere in atto le nozioni apprese nel livello 1A.

Torna all'indice

Cos'è il Livello 2A?

Si tratta della parte del programma di formazione che si occupa di far conseguire al corsista le conoscenze teoriche adatte ad effettuare lavori sotto tensione, facendo riferimento a quanto stabilito dai seguenti documenti:

  • norma CEI 11-27 con riguardo ai lavori sotto tensione;
  • norma CEI EN 50110-2;

Verrà dunque sviscerato l'argomento del lavoro sotto tensione, trattando le caratteristiche dei componenti elettrici su cui si può intervenire nei lavori sotto tensione e descrivendo nel dettaglio le attrezzature e dispositivi di protezione individuale necessarie per svolgere tali lavori.

Torna all'indice

Cos'è il Livello 2B?

Questo è l'ultimo passo della formazione relativa ai professionisti che svolgono i lavori di soggetti a rischio elettrico, ed è quello in cui si apprenderanno le conoscenze tecniche per svolgere il lavoro sotto tensione.
Vista la delicatezza dell'argomento e il suo carattere pratico, è necessario svolgerlo tramite:

  • Corsi di formazione pratici interni o esterni all'azienda;
  • Affiancamento con PES o PEI già qualificati e con esperienza;
  • Esperienza diretta sul campo nella propria azienda (con il datore di lavoro);

PS: la normativa non prevede la possibilità di effettuare questo corso in modalità e-learning

Torna all'indice

Tabella Riassuntiva PES, PAV, PEI

PES PAV PEI
Definizione Persona Esperta Persona Avvertita Persona Idonea
Lavori Svolti lavori fuori tensione e in prossimità lavori fuori tensione e in prossimità (assistita da una PES) lavori sotto tensione
Requisiti Il tipo di diploma;
l'attestato di formazione;
l'esperienza diretta in materia;
Il tipo di diploma;
l'attestato di formazione;
l'esperienza diretta in materia;
Attestato di formazione;
Esperienza diretta acquisita tramite formazione per affiancamento;
Livelli di Formazione Necessari 1A e1B 1A e 1B (limitata al lavoro che svolge) 1A, 1B, 2A, 2B

Scopri i nostri corsi per PES, PAV e PEI e ottieni l'attestato di formazione necessario ad ottenere la qualifica.

Corso di Formazione Corso di aggiornamento

Torna all'indice